Posted on

Scopri le 5 migliori cose da fare e da non fare per l’ottimizzazione del sito Web

Se vuoi che il tuo business online abbia successo, è una buona idea ottimizzare il tuo sito su base regolare per assicurarti che abbia una buona posizione nei migliori motori di ricerca del Web.

Tuttavia, al fine di mantenere il tuo ranking, devi essere sempre aggiornato su quanto sta accadendo nel settore dei motori di ricerca in rapida evoluzione. Le regole che hanno influenzato la tua classifica ieri potrebbero non avere senso domani!

  1. I “Dos” e “Don’ts” sono in continua evoluzione!

L’industria dei motori di ricerca è in continua evoluzione. Devi sapere quale dei principali “giocatori” sta alimentando i motori di ricerca più piccoli se vuoi sapere dove concentrare i tuoi sforzi di ottimizzazione.

un. La battaglia dei titani
Negli ultimi due anni, i principali motori di ricerca si sono preparati per affrontare l’uno contro l’altro e lottare per il primo posto del settore. Google è al primo posto da un po ‘di tempo, ma Yahoo! e MSN hanno fatto mosse per rubare la corona.

Google è ancora estremamente potente, con una quota di mercato di circa il 55%. Yahoo! è il runner-up più vicino, con circa il 20% degli utenti che lo sceglie come principale motore di ricerca. E MSN è ancora un terzo lontano ma minaccioso, con circa il 10% della quota di utilizzo globale.

Tieni presente, tuttavia, che Google e Yahoo! potenzia molti dei più piccoli motori di ricerca. Ad esempio, Google fornisce le inserzioni gratuite presenti su AOL e Netscape, oltre agli annunci a pagamento presenti su AOL, Netscape, Ask Jeeves, HotBot, Teoma e Lycos.

Yahoo! fornisce annunci gratuiti su MSN, AltaVista, AllTheWeb e HotBot, oltre agli elenchi a pagamento su MSN, AltaVista e AllTheWeb.

Tuttavia, MSN non sarà alimentato da Yahoo! ancora per molto! MSN è uscito con un’anteprima della propria tecnologia dei motori di ricerca lungamente anticipata all’inizio di questo mese. Stanno ancora risolvendo i bug e il motore di ricerca MSN ufficiale è ancora alimentato da Yahoo !. Ma puoi aspettarti che MSN salga da solo nei prossimi mesi.

È necessario essere consapevoli di questi cambiamenti se si desidera orientare i vostri sforzi di ottimizzazione verso i motori che vi invieranno più traffico possibile.

b. Le regole cambianti della ricerca
Naturalmente, è anche necessario tenere d’occhio le modifiche ai motori di ricerca stessi!

I motori di ricerca cambiano frequentemente gli algoritmi che usano per classificare i siti. Non vogliono che i proprietari di siti senza scrupoli manipolino i loro metodi di indicizzazione per ottenere un buon posizionamento. In questo modo, danneggiano l’integrità della ricerca gratuita!

Non appena i motori di ricerca vengono a conoscenza di un trucco utilizzato dagli “spammer dei motori di ricerca” per aumentare il ranking del loro sito, scoprono un modo per catturarli.

Quindi sii attento! Non vuoi prenderti con una “grande strategia” promossa da un esperto di marketing, solo per scoprire che è una tattica che odia i motori di ricerca! Questo potrebbe farti scaricare dai loro annunci in un attimo.

In realtà, è esattamente quello che è successo alla fine dello scorso anno, durante quella che è stata definita la “Florida Google Dance”.

Google ha apportato alcune modifiche importanti ai loro algoritmi nel novembre 2003 e ha iniziato a imporre una “penalità di eccesso di ottimizzazione” a qualsiasi sito che sembrava aumentare artificialmente la pertinenza del proprio sito per le parole chiave mirate.

Molti membri della business community sono rimasti sorpresi nel vedere i propri siti abbandonati dal loro alto posizionamento nelle inserzioni di Google. Queste persone hanno dovuto dedicare molto lavoro al revamping e alla reintroduzione dei loro siti per essere nuovamente elencati.

E molte delle persone che sono state penalizzate non erano proprietari di siti “senza scrupoli”! Non stavano cercando di tirare un “veloce” sui motori di ricerca usando tecniche accigliate come “keyword stuffing”. Stavano semplicemente cercando di essere degli smart marketer – e alcuni ritengono di essere stati puniti ingiustamente per questo.

Non vuoi che la stessa cosa ti accada!

Diamo uno sguardo a un elenco di cosa stanno cercando esattamente i motori di ricerca al momento dell’indicizzazione dei siti – e per cosa ti puniscono!

  1. Il “Dos”: trucchi legittimi che i maestri SEO utilizzano per ottimizzare i loro siti e mantenere il loro alto posizionamento

I motori di ricerca non vogliono essere manipolati dai marketer. Vogliono fornire i migliori risultati imparziali possibili per qualsiasi ricerca specifica o perderanno utenti!

Ecco perché hanno bisogno di cambiare i loro algoritmi così frequentemente – per stare al passo con i trucchi che le persone usano per ottenere il miglior piazzamento.

Detto questo, ci sono ancora molti modi legittimi per ottimizzare il tuo sito senza far arrabbiare i motori di ricerca e indurli a lasciarti dalla loro lista.

Ecco alcune delle migliori cose che puoi fare per assicurarti che il tuo sito abbia un alto ranking:

un. Chiedi ai siti pertinenti di collegarti al tuo sito
In passato, segnare un alto posizionamento con un motore di ricerca significava posizionare le parole chiave in posizioni “prime immobiliari” nel testo e nella codifica del sito. Tutto ciò che è cambiato, tuttavia. In questi giorni, i collegamenti sono re!

I motori di ricerca attribuiscono un’enorme importanza al numero di siti che rimandano ai tuoi. Ma non è solo la quantità di link che contano, è anche la qualità. I motori di ricerca esaminano la pertinenza dei collegamenti, ovvero quanto il contenuto del sito di collegamento ha in comune con il contenuto del tuo sito. Il più rilevante, meglio è!

I motori di ricerca considerano anche “importante” il sito di collegamento. Che tipo di “presenza online” ha? Quanto traffico ottiene?

Ad esempio, il tuo sito otterrà un ranking più alto se è collegato a siti come BBC.com o nationalgeographic.com invece di, ad esempio, la home page personale del figlio del vicino del tuo amico.

b. Presta attenzione all’inserimento e al posizionamento delle parole chiave
Le parole chiave potrebbero non essere più l’unico fattore determinante della classifica di un sito, ma sono comunque piuttosto importanti. I posti più utili per includerli sono:

Nel tuo nome di dominio – assicurati solo che le tue parole chiave siano nella radice del tuo URL, non nella radice! Ad esempio, se la frase della parola chiave principale è “telefoni cellulari”, prova a ottenere un nome di dominio come “www.cell-phones.com” anziché “www.mobileusa.com/cell-phones.com”. Alcuni motori di ricerca penalizzano effettivamente i siti per includere le parole chiave nella radice di un URL.

Nei tag del titolo nel codice sorgente

Nella meta descrizione del tuo sito, questo è molto meno importante di un tempo, ma non può ferire.

Nei tuoi meta tag di parole chiave TUTTAVIA: assicurati di includere solo parole chiave pertinenti! I motori di ricerca ti penalizzeranno se cerchi di intrufolarti in parole chiave che non hanno nulla a che fare con il contenuto del tuo sito.

c. Crea “pagine di informazioni” ricche di contenuti per indirizzare il traffico al tuo sito
Un modo semplice per aumentare il numero di pagine che si collegano al tuo sito è quello di creare alcune pagine tu stesso!

Tuttavia, devi assicurarti che queste pagine contengano contenuti di valore che forniscano agli utenti informazioni utili. I motori di ricerca odiano le “pagine puntatore” che non hanno contenuto e esistono solo per aggiungere al numero di link che puntano a un sito.

Assicurati che le informazioni siano relative ai contenuti del tuo sito e le tue parole chiave siano posizionate in posizioni vantaggiose. Ciò aumenterà il posizionamento delle tue pagine con i motori di ricerca e assicurerà che ottengano molto traffico – che potranno poi reindirizzare al tuo sito.

d. Invia il tuo sito alle directory online
Assicurati di inviare il tuo sito a directory importanti come Yahoo !, Open Directory Project e About.com, oltre a directory più piccole. Il tuo elenco su queste directory aiuterà il tuo posizionamento con i principali motori di ricerca.

e. Moltiplicare e conquistare!

Crea una “community” di siti correlati che si collegano l’un l’altro. Perché fermarsi a una sola pagina informativa? Più siti ricchi di contenuti puntano al tuo sito, meglio è!

Puoi anche aumentare il numero di link che puntano al tuo sito dividendolo in diversi siti separati che si collegano l’un l’altro. Questo funziona particolarmente bene se vendi un numero di prodotti o servizi diversi.

Se costruisci un sito diverso per concentrarti su ciascuno dei tuoi prodotti e servizi, puoi anche concentrare l’uso di frasi specifiche per parole chiave su ciascun sito. Questo è un altro ottimo modo per aumentare il posizionamento nei motori di ricerca.

  1. Il “non fare”: inganna i motori di ricerca odio e perché non dovresti mai usarli, anche se la concorrenza lo fa

Ora che abbiamo coperto il “dos”, ecco che arrivano i “non fare”. Sebbene queste tattiche discutibili abbiano funzionato bene in passato, i motori di ricerca le odiano assolutamente. Se ti catturano usando uno di questi trucchi, possono arrivare al punto di lasciarti dalle loro inserzioni come una patata bollente!

un. Fai attenzione ai collegamenti irrilevanti! Sì, è una buona idea avere un sacco di link diversi che puntano al tuo sito, ma i motori di ricerca sono come i link RELEVANT. Se trovano siti che non hanno nulla in comune con il contenuto del tuo sito collegato al tuo sito web, abbasseranno il tuo indice di pertinenza.

b. Fai attenzione alle parole chiave irrilevanti! I motori di ricerca odiano trovare parole chiave non pertinenti sul tuo sito, specialmente nei meta tag. Se ti catturano usando parole chiave che non hanno nulla a che fare con il contenuto reale del tuo sito, ti penalizzeranno per questo.

c. Non “parole chiave” i tuoi meta tag! In passato, le persone ripetevano le loro parole chiave nei loro metatag più e più volte. Questo li ha portati ad un alto posizionamento con i motori di ricerca – ma non più! I motori di ricerca sono pronti a questo trucco e ti puniranno per aver fatto cadere la tua classifica.

d. Non creare “link farm”! “Link farm” sono i cattivi cugini delle “pagine informative” di cui abbiamo parlato sopra.

In passato, alcuni spammer costruivano più siti “doorway” che esistevano solo per moltiplicare il numero di link che puntavano ai loro siti.

A differenza delle pagine di informazioni ricche di contenuti, queste pagine di porta solitamente includevano solo una serie di termini per parole chiave che avrebbero guadagnato un alto posizionamento con i motori di ricerca.

I motori di ricerca hanno preso piede su questa tattica, tuttavia, e ti lasceranno dalle loro inserzioni se scoprono che la stai usando.

e. Evita le pagine di link “gratis per tutti”! Non preoccuparti di inserire collegamenti al tuo sito su pagine in cui tutti e il loro cane sono invitati a pubblicare un link. Tali siti hanno valutazioni di pertinenza estremamente basse e ti costeranno punti con i motori di ricerca.

  1. Strumenti e risorse essenziali per ottimizzare il tuo sito e rimanere in cima al gioco del motore di ricerca

Ci sono un sacco di ottimi strumenti là fuori che possono aiutarti a ottimizzare il tuo sito web assicurandoti di stare dalla parte dei motori di ricerca.