fumetti

Uccidere un hacker: L'intervista ad Andrea Ferraresso.

Come preannunciato sul forum ho posto delle domande ad Andrea, autore di Come Uccidere un hacker, [sito dell'autore] che riporto nell'intervista seguente.

Download da Eracyberpunk [MIRROR] 0.99b

in grassetto le mie domande [Hadakàar], in corsivo/italic le risposte e le considerazioni di Andrea.

Ciao Andrea, ho letto il tuo fumetto, Come uccidere un hacker. Mi ha colpito parecchio, anche se non sono un grande esperto di fumetti.

Neanch'io ho una cultura enciclopedica. Ma ne ho ne ho letti un sacco, di fumetti, specie negli anni '90. Sempre nello scorso decennio ho visitato parecchie mostre.
Bellissimi gli originali di Magnus e quelli di Bilal. Nella mia libreria si trovano De Luca, Miller, Toppi, De Vita, Bottaro, Mignola, Pratt, Takahashi, Nihei, Barks, Eisner, Battaglia, Moebius, Pazienza, Bilal, Roi (Dylan Dog), Mari (i primi Nathan
Never), Cavazzano, Magnus, gli albi di ESP (nostalgia!), Gea, Mondo Naif (e derivati), Il Corvo presenta, The books of magic, Sandman, Nausicaa, Alita, Dragonball, Akira, (sia a colori che b/n), Appleseed, diversa roba di Alan Moore, Tank girl, Asterix, Ranxerox, ecc. ecc.


Il tuo fumetto è una delle poche opere Hacker/Cyberpunk in Italia. All'inizio presenti l'opera come quella che avresti voluto sempre leggere. Quando fu la prima volta che ti venne in mente questo progetto?

Nel 1991, in quinta superiore. Ero a Monaco in gita scolastica e vidi un servizio alla tv tedesca su Karl Koch. Gli anni '80 si erano chiusi, avevo da poco smesso il Commodore 64 per un Amiga, ma non era la stessa cosa...
In realtà scrissi la sceneggiatura solo molti anni dopo, quando accumulai un numero sufficiente di libri ed altro materiale su quella vicenda. Ma persi parecchio tempo per trovare qualcuno che disegnasse il fumetto, collezionando solo una serie di bidoni.
Alla fine ero talmente preso dalla questione, che ho deciso che l'avrei disegnato io.
Ci ho messo circa sette mesi, tutto di notte o quasi. Non avevo praticamente mai disegnato nulla del genere prima.


Il tuo stile nel tratto mi ricorda qualcosa degli anni '70: tanti messaggi ammiccanti dentro le tavole. E' vero? A chi ti sei ispirato per completarle?

Sì. Graficamente sono stato influenzato da quello che ho visto e letto da bambino, principalmente l'inarrivabile Gianni De Luca (se un giorno riesco a disegnare una storia come "Fantasmi", poi posso anche appendere la matita al chiodo) e Cavazzano.
Speriamo che un giorno ristampino "Paulus", vero unico esempio di catto-cyberpunk!
Successivamente ho scoperto Moebius, Pazienza e Magnus. Tra i giapponesi (è scontato), Shirow, Otomo e Miyazaki. Recentemente ho rivalutato Pratt.
Tra gli italiani in attività: Vanna Vinci e Andrea Accardi.


Nella storia ci sono numerosi cenni storici. Mi ha colpito particolarmente Bhopal, una strage che ho sempre voluto ricordare come una delle peggiori della storia recente. Lo pensi anche tu?

Bhopal è una vicenda simbolo degli anni '80. Uno di quei campanelli di allarme che nessuno ha ascoltato. La natura si sta comunque prendendo la sua rivincita. Oggi c'e' una temperatura primaverile. L'8 di dicembre una volta nevicava...

Come si può scorgere nel fumetto pare tu conosca Decoder, al tempo lo leggevi, o preferivi qualche e-zine italiana?

Decoder? No, mai letta.
Ah ah ah. Ok, scherzavo. Ho tutti i numeri. In passato acquistavo veramente un sacco di roba, e-zine comprese.
"CYBERPUNK Antologia di testi politici" della Shake, nel 1990, fu
veramente un grande evento editoriale.


Hai vissuto il periodo Cyberpunk in italia? che ne pensi oggi e che ne pensavi allora?

Bè, ho messo le mani su un commodore 64 nel lontano 1983. Li' imparai l'assembly perche' col basic non si faceva nulla. Comprai anche Neuromante. Una delle prime edizioni italiane. Poi diversa roba di Dick, di Sterling, tra cui l'illuminante "Giro di
vite contro gli hacker". I dischi dei Clock Dva. Ho visto gli Einstuerzende Neubauten dal vivo 2 volte.
Pur abitando in provincia ho fatto la mia parte, diciamo.



Che ne pensi di Era Cyberpunk?

L'ho scoperta per caso, da poco. E' stata un gran bella scoperta, direi.
Non e' detto che in futuro non mi metta a disegnare qualcosa di totalmente cyberpunk.
Vedremo. Sono in fase di valutazione!

Grazie ad Andrea per aver avuto la voglia e il tempo di rispondere alle nostre noiosissime domande, aspettiamo impazienti la tua prossima opera!

Un disegno cyberpunk per Era Cyberpunk

Il bellissimo disegno qui sopra, che ritrae presumibilmente un hacker, mentre digita su una tastiera virtuale, è stato creato da Massimo, disegnatore di Donnell & Grace, per noi!
C'è anche una versione TIFF, ad alta risoluzione.
La comunità di Era Cyberpunk ringrazia, non potevamo essere felici di questo regalo!
il thread dove se ne è parlato.
Ringrazio ancora [emo] per le informazioni date sul forum e per aver invitato Massimo sul forum.

Donnell & Grace - Blue Light

Donnell & Grace - Blue Lights - Scan demoDonnell & Grace - Blue Lights - Scan demo 2Donnell & Grace - Blue Lights - Scan demo 3









Ho avuto il piacere di leggere un post dell'autore di Donnell & Grace sul forum di EraCP. Del fumetto, interamente italiano, ne ha parlato Frank proprio in quel post.

Ecco una selezione di informazioni tratte dal post scritto da [emo]:

il fumetto si intitola Donnell & Grace: Blue Lights ed è realizzato interamente da Massimo Dall'Oglio.
D&G è il primo titolo, insieme al vampirico Dàimones realizzato dalle autrici Dany&Dany, di un nuovo marchio editoriale, IDEAcomics.

Entrambi gli albi sono ordinabili sia in fumetteria (almeno quelle che si appoggiano ad Alastor, ex Pegasus) o direttamente a IDEAcomics.

In coda a D&G è pubblicata anche una breve storia di 3 pagine, sempre disegnata da Massimo, ma scritta da me.
Inoltre, seppur in maniera davvero marginale, sono stato coinvolto da Massimo nella supervisione ai dialoghi del suo fumetto.

Un'ultima cosa: IDEAcomics è stata fondata da Massimo e da Dany&Dany, io sono solo stato ospitato sull'albo di Massimo e non ho alcun ruolo diretto.

sito di IDEAcomics: http://www.ideacomics.it
blog di Massimo Dall'Oglio: http://luciblu.blogspot.com/
sito di Dany & Dany: http://www.danyanddany.com/
il mio blog: http://emilianolongobardi.blogspot.com

Nell'anno 2020 Internet, la rete informatica che tutti noi conosciamo, viene sostituita da una nuova e rivoluzionaria concezione di Rete, che ne è la sua naturale evoluzione tecnologica: nasce INDRA. L'ormai obsoleto concetto di "connessione" viene sostituito da quello di "immersione", che consente agli utenti di vivere in un vero e proprio mondo virtuale. Per accedervi però, è necessario un impianto cerebrale attraverso il quale ogni individuo diventa parte del "tutto", esposto alla condivisione di ogni aspetto del proprio io. L'individualità tende quindi a svanire e ogni essere vivente finisce per essere sempre più controllato, sempre meno libero. La vecchia Internet, poco sorvegliata, ridiventa allora l'ambiente preferito dagli hacker, e INDRA il bersaglio primario dei loro assalti. Per contrastare le minacce e gli attachi di questi ultimi, vengono quindi creati i Blue Lights, esseri umani concepiti in laboratorio specificamente per assumere il ruolo di guardiani della Nuova Rete, grazie alla loro capacità di "immergersi" sempre e ovunque. Anno 2048. Grace Sterling è un Blue Lights e, grazie all'aiuto di James, tenterà di conquistarsi la propria libertà.

L'ispirazione principale per il fumetto è stata ovviamente la trilogia di Gibson.
Lo stile è tendente al manga

www.karmaspazio.itCi sono tutti i disegni dell'autore, il portfolio di Donnell&Grace, il blog e il sito del marchio IDEAcomics sotto cui è uscito il numero zero del fumetto.

L'autore al momento sta realizzando un fumetto Cyber per LES HUMANOIDES ASSOCIES e verrà pubblicato in Francia, Belgio e Lussemburgo se vi va trovate info su: http://eidosworld.blogspot.com

Syndicate content