I Cyberpunk a Mixer - Raidue 1991 - Gomma.tv

Grazie a http://gomma.tv, è stato diffuso questa perla di Cyberpunk italiano, datato 1991.

E' Mixer che va a intervista persone del calibro di Raf Valvova, Gomma, e altri facenti parte del movimento Decoder/Cyberpunk, molto attivo politicamente agli inizi e fino a metà anni '90, per poi spegnersi quasi del tutto all'alba del nuovo millennio.


Nel 1991 sembrava che una delle passioni principali dei servizi segreti nostrani fosse quella di monitorare i network di bbs, che erano ... tutte » notoriamente pubblici per cui non c'era nessuna ragione per farli spiare da dei guardoni. Il motivo profondo - oltre a far guadagnare lo stipendio a questi tizi - giaceva nella paura che tali nuovi (allora) strumenti di comunicazione suscitavano a chi deteneva il potere politico e informativo. Non che oggi la situazione sia molto diversa, ma una cosa unica le bbs ce l'avevano: chiunque poteva aprirsi la propria senza chiedere niente a nessuno. Nessun permesso, nessuna registrazione da nessuna parte, nessuna particolare infrastruttura tecnologica a parte pc, linea del telefono di casa e modem. Punto. Questa apoteosi dell'homebrew fece sì che un infimo numero di entusiasti potesse creare grande sconcerto e preoccupazione. Pur di frenarne il dilagare ne pensarono di tutti i colori. La migliore fu quella di tentare di tassare coloro che avevano un modem perché "intasavano le linee". In realtà volevano solo che fosse identificabile chi usava l'apparecchio. Comunque pur di parlar male di una delle poche cose belle che gli anni Ottanta ci hanno regalato - oltre alla musica industrial - anche i giornali, timorosi che il popolo si facesse l'informazione da sé, cominciarono a creare i neo-mostri sociali: gli hacker. Questo simpatico mix creò tra le altre cose la seguente incredibile situazione. Il giorno della Festa dei Navigli del 1991, nota ricorrenza milanese, mentre i Pirati del Conchetta con dei gommoni attaccavano il barcone del sindaco (ma questa è un'altra storia), mi fermò sulla Darsena un tipo che mi disse: "Andreotti vi ha attaccati in Parlamento!". "Eh?", risposi. Il tipo mi fece vedere la prima pagina del "Corriere della Sera" dove effettivamente si leggeva che il ferale gobbo, presentando l'annuale relazione dei servizi segreti, informava deputati e senatori che noi di CyberNet e quelli di Ecn eravamo un pericolo pubblico. In un primo momento mi sentii gratificato per tale riconoscimento, poi, invero, un po' spaventato. Temevo infatti che come al solito alle parole seguissero i fatti e conoscendo le pratiche democratiche nel nostro paese, già pensavo a come farmi dissequestare il mio amato - e costoso - 386 col modem interno. Ma la fortuna ci assistette anche quella volta. Infatti, attirati dal clamore numerosi giornalisti contattarono la redazione di Decoder per intervistarci. Tra questi Alberto Dentice legato alla trasmissione tv Mixer. Dentice ci sembrava un tipo onesto, per cui dopo un settimana di trattativa durissima ed estenuante (per il povero Dentice), registrammo la trasmissione. Il nostro obiettivo - oltre al non dichiarato desiderio di inguaiarci per l'ennesima volta - era il seguente: qui se non spieghiamo chi sono gli hacker e cosa fanno prendendoci un po' di responsabilità politica, al più presto ingabbiano qualcuno. Di norma la tv di Stato non è il miglior mezzo di comunicazione per tentare questi esperimenti, ma sottoponendosi a training autogeno durissimo, utilizzando tecniche yippie e para-situazioniste, e avendo un allenatore come Primo Moroni ce la si può anche fare

Post new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
  • Allowed HTML tags: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <b> <i> <img> <p> <u> <strike> <center> <div> <br>
  • Glossary terms will be automatically marked with links to their descriptions
More information about formatting options