Uccidere un hacker: L'intervista ad Andrea Ferraresso.

Come preannunciato sul forum ho posto delle domande ad Andrea, autore di Come Uccidere un hacker, [sito dell'autore] che riporto nell'intervista seguente.

Download da Eracyberpunk [MIRROR] 0.99b

in grassetto le mie domande [Hadakàar], in corsivo/italic le risposte e le considerazioni di Andrea.

Ciao Andrea, ho letto il tuo fumetto, Come uccidere un hacker. Mi ha colpito parecchio, anche se non sono un grande esperto di fumetti.

Neanch'io ho una cultura enciclopedica. Ma ne ho ne ho letti un sacco, di fumetti, specie negli anni '90. Sempre nello scorso decennio ho visitato parecchie mostre.
Bellissimi gli originali di Magnus e quelli di Bilal. Nella mia libreria si trovano De Luca, Miller, Toppi, De Vita, Bottaro, Mignola, Pratt, Takahashi, Nihei, Barks, Eisner, Battaglia, Moebius, Pazienza, Bilal, Roi (Dylan Dog), Mari (i primi Nathan
Never), Cavazzano, Magnus, gli albi di ESP (nostalgia!), Gea, Mondo Naif (e derivati), Il Corvo presenta, The books of magic, Sandman, Nausicaa, Alita, Dragonball, Akira, (sia a colori che b/n), Appleseed, diversa roba di Alan Moore, Tank girl, Asterix, Ranxerox, ecc. ecc.


Il tuo fumetto è una delle poche opere Hacker/Cyberpunk in Italia. All'inizio presenti l'opera come quella che avresti voluto sempre leggere. Quando fu la prima volta che ti venne in mente questo progetto?

Nel 1991, in quinta superiore. Ero a Monaco in gita scolastica e vidi un servizio alla tv tedesca su Karl Koch. Gli anni '80 si erano chiusi, avevo da poco smesso il Commodore 64 per un Amiga, ma non era la stessa cosa...
In realtà scrissi la sceneggiatura solo molti anni dopo, quando accumulai un numero sufficiente di libri ed altro materiale su quella vicenda. Ma persi parecchio tempo per trovare qualcuno che disegnasse il fumetto, collezionando solo una serie di bidoni.
Alla fine ero talmente preso dalla questione, che ho deciso che l'avrei disegnato io.
Ci ho messo circa sette mesi, tutto di notte o quasi. Non avevo praticamente mai disegnato nulla del genere prima.


Il tuo stile nel tratto mi ricorda qualcosa degli anni '70: tanti messaggi ammiccanti dentro le tavole. E' vero? A chi ti sei ispirato per completarle?

Sì. Graficamente sono stato influenzato da quello che ho visto e letto da bambino, principalmente l'inarrivabile Gianni De Luca (se un giorno riesco a disegnare una storia come "Fantasmi", poi posso anche appendere la matita al chiodo) e Cavazzano.
Speriamo che un giorno ristampino "Paulus", vero unico esempio di catto-cyberpunk!
Successivamente ho scoperto Moebius, Pazienza e Magnus. Tra i giapponesi (è scontato), Shirow, Otomo e Miyazaki. Recentemente ho rivalutato Pratt.
Tra gli italiani in attività: Vanna Vinci e Andrea Accardi.


Nella storia ci sono numerosi cenni storici. Mi ha colpito particolarmente Bhopal, una strage che ho sempre voluto ricordare come una delle peggiori della storia recente. Lo pensi anche tu?

Bhopal è una vicenda simbolo degli anni '80. Uno di quei campanelli di allarme che nessuno ha ascoltato. La natura si sta comunque prendendo la sua rivincita. Oggi c'e' una temperatura primaverile. L'8 di dicembre una volta nevicava...

Come si può scorgere nel fumetto pare tu conosca Decoder, al tempo lo leggevi, o preferivi qualche e-zine italiana?

Decoder? No, mai letta.
Ah ah ah. Ok, scherzavo. Ho tutti i numeri. In passato acquistavo veramente un sacco di roba, e-zine comprese.
"CYBERPUNK Antologia di testi politici" della Shake, nel 1990, fu
veramente un grande evento editoriale.


Hai vissuto il periodo Cyberpunk in italia? che ne pensi oggi e che ne pensavi allora?

Bè, ho messo le mani su un commodore 64 nel lontano 1983. Li' imparai l'assembly perche' col basic non si faceva nulla. Comprai anche Neuromante. Una delle prime edizioni italiane. Poi diversa roba di Dick, di Sterling, tra cui l'illuminante "Giro di
vite contro gli hacker". I dischi dei Clock Dva. Ho visto gli Einstuerzende Neubauten dal vivo 2 volte.
Pur abitando in provincia ho fatto la mia parte, diciamo.



Che ne pensi di Era Cyberpunk?

L'ho scoperta per caso, da poco. E' stata un gran bella scoperta, direi.
Non e' detto che in futuro non mi metta a disegnare qualcosa di totalmente cyberpunk.
Vedremo. Sono in fase di valutazione!

Grazie ad Andrea per aver avuto la voglia e il tempo di rispondere alle nostre noiosissime domande, aspettiamo impazienti la tua prossima opera!

Post new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
  • Allowed HTML tags: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <b> <i> <img> <p> <u> <strike> <center> <div> <br>
  • Glossary terms will be automatically marked with links to their descriptions
More information about formatting options